• Studio I.F.P Milano

Qualcosa di più dell'aborto: la libertà

FOR MANY WOMEN, ROE WAS ABOUT MORE THAN ABORTION. IT WAS ABOUT FREEDOM. AFTER THE REVERSAL OF ROE V. WADE, SOME WOMEN ARE RECONSIDERING THEIR PLANS, INCLUDING WHERE THEY LIVE, AND WONDERING HOW BEST TO CHANNEL THEIR ANGER
THE NEW YORK TIMES -By Julie Bosman - June 29, 2022

Milioni di donne americane hanno passato gli ultimi giorni a cercare di assimilare la notizia della decisione della Corte Suprema di ribaltare la sentenza Roe vs. Wade, cancellando il diritto costituzionale all'aborto legale che durava da quasi mezzo secolo, sconvolgendo immediatamente la vita delle donne in tutto il paese. Molte hanno pianto. Alcune piene di rabbia, si sono strette ad amiche, madri e sorelle. Molte si sono sentite impaurite dalla sensazione di una libertà portata via. Altre donne, invece, in particolare quelle cristiane conservatrici, hanno festeggiato la decisione come una vittoria morale e legale. Ma un sondaggio pubblicato due giorni dopo la notizia ha rivelato che una considerevole maggioranza di donne negli Stati Uniti - il 67% - si è opposta alla sentenza della corte e il 52% degli americani ha affermato che è stato un passo indietro per la Nazione.

Per le donne che avevano cercato di abortire negli stati in cui le cliniche sono state costrette a chiudere, la sentenza è stata una catastrofe immediata, che ha messo a repentaglio la loro decisione di interrompere la gravidanza. Ma la sentenza va ben al di là di questo: attraversa generazioni e geografia, razza e classe. Molte donne si sono sentite disorientate, perché messo in discussione il loro posto nella società, almeno agli occhi della Corte Suprema.

In dozzine di interviste questa settimana, le donne americane che sostengono il diritto all'aborto hanno ricordato il momento esatto in cui hanno sentito che la sentenza Roe era stata rovesciata e le ondate di shock e rabbia che sono seguite. Hanno riflettuto su come l'accesso all'aborto legale avesse silenziosamente sostenuto le loro decisioni personali, anche se non ne avevano mai cercato uno loro stesse. Temono che i progressi compiuti da molte donne da quando l'aborto è stato legalizzato - nell'istruzione, sul posto di lavoro e nella cultura – possano essere fermati.

La decisione le ha anche portate a riconsiderare i propri piani e quelli dei loro figli, chiedendosi se vivere, lavorare o frequentare college in stati in cui l'aborto è stato bandito, come aiutare altre donne con gravidanze indesiderate e se avrebbero mai recuperato il diritto costituzionale a ricevere un aborto sicuro, una garanzia che decine di milioni di donne hanno conosciuto per tutta la vita.

"È stato piuttosto disorientante, in termini di umanità", ha commentato Jennifer Solheim, 47 anni, che insegna letteratura all'Università dell'Illinois di Chicago. "È disorientante rendersi conto che ti è stato tolto un diritto fondamentale". A maggio, una bozza di parere sul caso Dobbs vs Jackson Women's Health Organization è trapelata al pubblico, mettendo in chiaro che la maggioranza della Corte Suprema era pronta a ribaltare Roe vs Wade, la storica decisione del 1973. Tuttavia, quando la sentenza Dobbs è stata ufficialmente rilasciata la scorsa settimana, il colpo è stato pesante per Kristen Coggins, una 36enne madre di tre ragazze a Charlotte, N.C.: "Come donna di colore, comincio a chiedermi cosa accadrà per le persone che mi assomigliano: se riesci a togliere le cose alle donne bianche, allora potrai sicuramente portarci via altri diritti", ha detto. “La mia ansia è alle stelle".

Quando Marie Pavlich, una dirigente marketing di Chicago, ha ricevuto la notifica della sentenza sul suo telefono, non è rimasta sorpresa, essendosi preparata per la decisione. Ma la notizia l’ha colpita comunque come un pugno, una reazione fisica seguita dalla disperazione. "Ero così triste, così arrabbiata e mi sentivo fuori controllo, mi sentivo impotente", ha detto, “un piccolo suono sul tuo telefono e all'improvviso, quella cosa che pensavi sarebbe rimasta lì per sempre è sparita. Anche se sapevo che la discesa delle montagne russe stava arrivando, è stato comunque scioccante sentire la caduta.”

La sentenza ha aperto la strada a un divieto statale che ha reso l'aborto completamente illegale in South Dakota, senza eccezioni per stupro e incesto. In attesa della sentenza, l'unica clinica statale per aborti ha smesso di fornire aborti settimane fa. Nella zona rurale di Wessington Springs, SD, Kate Schmidt, 41 anni, insegnante di scienze sociali, ha espresso i suoi sentimenti: "sono così sconvolta dal fatto che siamo state praticamente ridotte a incubatrici. Ho 41 anni, non posso più avere figli, ma c'è una trentenne in fondo alla mia via che potrebbe trovarsi con un problema o la diciottenne nella mia classe che potrebbe trovarsi con un problema, o la quattordicenne. E perché non dovrebbero avere scelta?”

La notizia è stata particolarmente preoccupante per le donne a basso reddito, che rappresentano circa i tre quarti delle pazienti che scelgono l’aborto e che ora rischiano di dover viaggiare e affrontare una sfida finanziaria più impegnativa se l'aborto dovesse diventare illegale nel luogo in cui vivono.

"È già abbastanza difficile per le donne delle zone rurali trovare assistenza sanitaria e alloggio", ha affermato Stephanie Isaacs, 30 anni, a Shelbyville, in Tennessee, che ha svolto una serie di lavori a basso salario come addetta all'ospedale e addetta alla mensa scolastica da quando ha ottenuto il diploma. "Questa è come la goccia che fa traboccare il vaso."

Dopo la sentenza della Corte Suprema della scorsa settimana, molte donne sono state spronate a riflettere sulle proprie esperienze e quella delle loro famiglie, indipendentemente dal fatto che avessero mai abortito. Secondo il Guttmacher Institute, un gruppo di ricerca che sostiene il diritto all'aborto, una donna su quattro abortirà entro i 45 anni. La signora Coggins, di Charlotte, ha ricordato un dettaglio agghiacciante della sua storia familiare, raccontatole dalla zia: a Buffalo, una prozia eseguiva diversi aborti con una gruccia metallica per le donne del suo quartiere che ne avevano bisogno, molto prima che Roe concedesse il diritto all'aborto legale. In Pennsylvania, Judith Saylor, una sarta di 77 anni, ha ricordato che per anni aveva affittato stanze a studentesse in quella che oggi è la Millersville University, e ha detto che molto sono diventate parte di una famiglia con cui è ancora in contatto. Molte, ricorda, sono rimaste incinte e hanno scelto di abortire. "Ho accompagnato una di loro ad abortire", ha detto. “È stato un periodo molto traumatico, ma non avrebbe preso un'altra decisione".

Le riflessioni sull'aborto - e l'impatto della sentenza della Corte Suprema - si sono infiltrate in luoghi inaspettati. A bordo di un vecchio rimorchiatore attraccato a Red Hook, Brooklyn, Carolina Salguero, che gestisce un gruppo senza scopo di lucro per promuovere le industrie marittime, si è trovata a fare qualcosa che non aveva mai fatto. Ore dopo la decisione della Corte Suprema, ha scritto un post sui due aborti che ha avuto nella sua vita. "Con questa decisione, non c'è più niente di privato", ha detto, “non sei in grado di prendere decisioni private: lo stato può togliertele dalle mani. Allora cos'è il privato?".

Dopo che la sentenza Roe è stata ribaltata, molte donne si sono poste una semplice domanda: cosa facciamo adesso? Lincoln, Nebraska, sembrava un posto meraviglioso in cui vivere per Jessica Versaw, 33 anni. È una città universitaria dove vivono anche la sua famiglia e alcuni amici. Ma dopo la decisione della Corte Suprema, ha trascorso gran parte del suo tempo a contemplare cosa significhi per il Nebraska un mondo post-Roe. Ora, la signora Versaw, una designer di software, sta prendendo in considerazione l'idea di trasferirsi fuori dallo stato. L'aborto è ancora legale, ma il governatore Pete Ricketts, un repubblicano, ha detto che si muoverà per vietarlo, anche in caso di stupro. "Pensavamo che fosse sufficiente vivere in un posto dove c'è questo punto blu in uno stato rosso", ha detto,"ma se lo stato ci lascerà indietro, allora lo lasceremo".

Emily Ross, una project manager di 33 anni in uno stabilimento di produzione a Greensburg, Pennsylvania, non si è mai considerata politicamente attiva. Ma ora si sente obbligata a fare volontariato per una campagna politica, cercando di eleggere un governatore democratico nelle elezioni autunnali. Se la Corte Suprema ha potuto rovesciare la sentenza Roe, quale sarà la prossima mossa, sfidare la contraccezione, per esempio la pillola del giorno dopo?

Per molte donne, i pensieri sono stati rivolti ai loro figli. C'è dolore, ha detto Destiny Lopez, un sostenitore dei diritti riproduttivi nella Carolina del Nord, nel rendersi conto che "questa sarà ora la battaglia della prossima generazione".

La sentenza ha solo intensificato il desiderio di Yolanda Williams, 42 anni, che gestisce un podcast sui genitori, di continuare i suoi piani con un gruppo di donne per acquistare terreni in Georgia dove vivere in comune con i loro figli. "Non c'è davvero un posto sicuro, se siamo onesti, per le donne", ha detto. “Ci sono stati diversi che hanno leggi sull'aborto diverse. Ma alla fine, essendo una donna nera con una figlia disabile, non c'è davvero nessun posto sicuro".

Noelle Buttry, 52 anni, di Little Rock, ha detto di aver acquistato per i suoi figli Plan B, la contraccezione di emergenza nota come pillola del giorno dopo, nel caso ne avessero bisogno mentre vivono in Arkansas, dove l'aborto è ora vietato nella maggior parte dei casi. Ma sa anche che non sono loro quelli più a rischio. "I miei figli sono assolutamente consapevoli di essere molto privilegiati, e se hanno bisogno di un aborto o hanno un’emergenza sanitaria e hanno bisogno di andare in un altro stato, abbiamo le risorse per farlo", ha detto. "Sono le persone che non hanno questa possibilità che ci preoccupano così tanto."

Nella periferia di Atlanta, Claire Mills, 58 anni, ha detto di essere preoccupata per le sue due figlie, che hanno 31 e 20 anni, in particolare per la figlia più piccola, che sta studiando astrofisica in uno stato senza accesso all'aborto. Ancora più difficile da capire è che le sue figlie potrebbero vivere senza le sicurezze che la signora Mills ha avuto durante la sua adolescenza e la sua età adulta.

"Ci sono voluti 50 anni prima che rovesciassero Roe", ha detto. "Quanto tempo abbiamo per recuperarlo?".


L’annullamento della sentenza Roe negli Stati Uniti crea un pericoloso precedente per il diritto all’aborto negli altri stati del mondo. In Italia, sebbene questo sia regolato dalla legge 194/78, l’accesso all’interruzione di gravidanza è reso difficoltoso dalla presenza di medici obiettori e dalla carenza di strutture, soprattutto in alcune zone del territorio. Ma, oltre a ciò, prevale ancora oggi una narrazione molto negativa dell’aborto, che viene visto come una scelta necessaria ma non voluta, come un’esperienza necessariamente difficile, una visione che enfatizza i diritti riproduttivi e non la giustizia riproduttiva. Ed è questo tipo di pensiero che ha portato oggi all’abolizione di Roe vs Wade. La Corte Costituzionale degli Stati Uniti ha sancito un passo indietro di 50 anni sul piano dei diritti riproduttivi, e non possiamo fare a meno di pensare che a questo corrisponderà un passo indietro anche sui diritti sociali e economici delle donne. È nostro dovere favorire e proteggere il diritto all’aborto, prerequisito imprescindibile per la giustizia e la parità di genere.



Traduzione e commento di Marlene de Fabritiis